eBay-contro-Amazon

eBay-contro-Amazon

eBay-contro-Amazon

eBay-contro-Amazon . E’ recente la notizia che eBay ha denunciato una attività illecita da parte di Amazon arrecando un danno.

Alcune testate giornalistiche americane hanno riportato la notizia (vedi il New York Times ed il Wall Street Journal).

Attraverso dei messaggi interni alla piattaforma, alcuni venditori eBay sono stati contattati dai commerciali Amazon. I messaggi avevano lo scopo di spingere i commercianti a passare ad Amazon come marketplace.

eBay ha ricevuto segnalazioni da alcuni utenti venditori. eBay si è immediatamente attivata approfondendo la questione ed enalizzando alcuni messaggi.

E’ emerso che circa 50 agenti di Amazon hanno contattato centinaia di venditori eBay praticando un comportamento scorretto e sleale. La stessa policy eBay vieta di utilizzare i messaggi privati per spam o per “scavalcare” la piattaforma stessa.

Nella scannerizzazione dei messaggi, eBay ha trovato dei tentativi di elusione dei filtri “anti-spam” con parole come A.M.Z. o A-M-A-Z-O-N . Infatti attualmente è molto difficile scambiare i contatti privati (email o numero di telefono) tramite messaggistica eBay a causa di un filtro che blocca l’invio dal principio.

eBay ha subito inviato una lettera per far interrompere immediatamente tali comportamenti sleali.

Bisogna precisare anche che questa pratica scorretta  viola la legge della California che proibisce l’abuso nell’utilizzo dei sistemi informatici privati.

Amazon si è limitata rispondendo che sta effettuando delle verifiche.

Come mai Amazon si è spinta fino a tanto? eBay-contro-Amazon

Sicuramente la concorrezza fra i due colossi è tanta. eBay negli ultimi anni si è trasformato in un vero grande centro commerciale con articoli a prezzo fisso. Oggi ogni commerciante tende a vendere su entrambe le piattaforme. Tuttavia la guerra è cosi aperta che Amazon ci prova con tutti i mezzi. Anche sleali.

Per altre notizie sul mondo eBay ed ecommerce suggeriamo la lettura di altri nostri articoli presenti in questa sezione del nostro BLOG.

Innovaformazione, scuola informatica specialistica promuove la cultura eBay e la vendita sui marketplace.

Si occupa di formazione e consulenza per venditori eBay. Potete visitare il nostro sito www.innovaformazione.net .

Trovate un’offerta per il Corso eBay Venditore Professionale.

 

INFO: www.innovaformazione.net – [email protected]

eBay-contro-Amazon

eBay-Programma-di-espansione-europea

eBay-Programma-di-espansione-europea

eBay-Programma-di-espansione-europea: recentemente si sente parlare di un nuovo sistema di eBay che aiuta i venditori.

Il eBay-Programma-di-espansione-europea è una sorta di piattaforma web (sviluppata esternamente ad eBay) che permette ai venditori di automatizzare la creazione di inserzioni sui paesi esteri.

Il programma è accessibile solo dietro invito a discrezione di eBay. Con il eBay-Programma-di-espansione-europea Il venditore può pubblicare delle “copie” delle sue inserzioni sui siti eBay degli altri paesi europei. Il software penserà ad automatizzare le traduzioni, titoli, ricopiare le fotografie ed ad inserire gli oggetti nelle categorie appropriate.

Il sistema è sviluppato da WebInterpret una sociatà nata in Polonia ma ormai con sedi in Europa e USA. Webinterpret sviluppa software per l’ecommerce e per le traduzioni.

L’utilizzo di questo applicativo ha lo scopo di avvicinare tutti i venditori alle vendite internazionali e allo stesso tempo di “riempire” il più possibile di offerte tutti i siti eBay internazionali. Non ci sono tariffe per i venditori poichè si tratta di un servizio gratuito per tutto il 2018. A nostro avviso è una sorta di progetto-pilota.

A prima vista il venditore classico può pensare: “wow geniale!Posso pubblicare le mie inserzioni in tutti quei paesi senza costi e nè tempi aggiuntivi!”

Tuttavia dai primi feeback che abbiamo ricevuto dai venditori (italiani) non è tutto oro ciò che luccica.

Innanzitutto si sono riscontrati una serie d bug ed errori nelle traduzioni, account venditori “sballati” e mancata sincronizzazione delle quantità.

In particolare il venditore non può scegliere quali oggetti rendere visibili a livello internazionale. E’ il sistema che sceglie categorie ed oggetti in base ad analisi di mercato e agli algoritmi di vendita eBay.

Un’altro aspetto tecnico che emerge direttamente dalle FAQ della piattaforma, riguarda i problemi che possono derivare dalla modifica della password o del nome account eBay. Oggi è utile cambiare magari saltuariamente la password all’account per ovvi motivi di sicurezza. Questo consiste in un bug probabilmente essenziale.

Per alcune categorie e settore, (es. l’abbigliamento) il problema delle taglie non è indifferente poichè vengono inserite e duplicate in maniera automatica. Quindi è necessario controllare se le misure siano corrette rispetto alle taglie di un paese straniero.

In generale però è importante lavorare e prepararsi per la vendita internazionale. Non sottovalutare tutti gli aspetti è fondamentale.

Se non si conoscono le lingue, successivamente sarà difficile comunicare con un acquirente tedesco che farà domande sull’articolo. Se non si hanno buoni piani di spedizione internazionale per i nostri oggetti, sarà poi difficile spedire fuori Italia a condizioni concorrenziali.

Fortunamente si tratta di un programma di adesione gratuita e che permette allo stesso modo di uscire facilmente  dal sistema.

Nonostante i primi feedback non del tutto positivi, consideriamo buona l’iniziativa di eBay . In un certo qual modo vuole stimolare i venditori a sfruttare l’internazionalizzazione del web e di eBay stesso.

Molti venditori, specialmente i più piccoli non sono a conoscenza delle potenzialità di mercato presenti all’estero. In particolar modo per prodotti artigianali o unici.

Come accennato sopra, il lancio internazionale necessità preparazione, studio e un’organizzazione logistica più alta della media. (Fonte)

Innovaformazione, scuola informatica specialistica promuove la cultura dell’e-commerce internazionale e di eBay. Il Corso eBay Venditore Professionale è un ottimo passo per non lasciare nulla al caso nella vendita su eBay. Inoltre tra i servizi abbiamo la consulenza eBay per venditori professionali.

 

Se volete continuare a leggere altri nostri articoli sulla vendita su eBay consigliamo di seguire la sezione del nostro blog presente su questo LINK.

 

Adyen-Pagamenti-eBay

Adyen-Pagamenti-eBay

Adyen-Pagamenti-eBay: di cosa si tratta?

Recentemente eBay ha lasciato dichiarazioni circa il prossimo abbandono di Paypal come mezzo di pagamento per i suoi utenti. La nuova soluzione e-payment sarà Adyen.

Adyen è una sorta di concorrente di Paypal ed eBay ha informato il mercato con un annuncio sul suo sito ufficiale americano (leggi QUI)

La scissione tra eBay e Paypal non è di oggi. Nel 2015 Paypal si “sgancia” da eBay (inizialmente Paypal era una società dello stesso gruppo eBay) per poi quotarsi in Borsa. Supponiamo quindi che la decisione del passaggio ad Adyen sia maturata in concomitanza con la scissione da Paypal.

Paypal attualmente in borsa ha ricevuto un netto calo proprio a causa della notizia di Adyen. Il 2021 è stato fissato come anno definitivo per il passaggio. Da metà 2018 Adyen sarà già presente negli U.S.A. Successivamente sarà esteso a tutto il resto del mondo.

In tanto Paypal non verrà abbandonato del tutto dal marketplace eBay. Resterà un’alternativa di pagamento.

Con molta probabilità l’obiettivo vero di Paypal sarà quello di inserirsi nel mercato delle transazioni “tradizionali” off-line. Paypal vuol proporsi come alternativa al contante e ai classici POS dei negozi. Si chiama Paypal Check-in la funzione del app mobile Paypal lanciata nel 2014 che tutt’oggi non è però ancora attiva in Italia.

Ma ipotizziamo che la strada che verrà percorsa da Paypal sarà questa.

Vi suggeriamo questo video proprio sull’app Paypal Check-in.

 

Lo stesso intendo trapela anche nello spot Pyapl che qualche tempo fa girava sui nostri canali televisivi….

Adyen invece non è nuovo sul mercato delle transazioni online. E’ già utilizzato da piattaforme come Netflix, Etsy, Uber, Spotify, Easyjet ecc.

Adyen permetterà un grosso risparmio all’azienda eBay pari a circa 2 miliardi di dollari.

Sono previste tariffe più competitive per i venditori eBay attraverso Adyen. Mentre per gli acquirenti è garantito una migliore esperienza di pagamento senza dover “saltare” da un sito all’altro. Adyen sarà una sorta di sistema di pagamento interno ad eBay. Cosi come ad esempio Amazon riceve i pagamenti con il suo circuito interno.

 

Cosa ci riserverà il futuro? Adyen darà maggiore spinta agli affari di eBay? Paypal si diffonderà come moneta elettronica nel mondo?

A voi lasciamo i giudizi….

Innovaformazione, scuola di formazione specializzata nell’ambito information technology, ha l’obiettivo di divulgare informazioni in tema informatico e di e-commerce. Tra i nostri servizi abbiamo una consulenza per le vendite su eBay. Spicca inoltre il Corso di formazione per Venditori eBay Professionali.

INFO: www.innovaformazione.net[email protected]

Garanzia Clienti eBay

garanzia clienti ebay

Garanzia Clienti eBay

Se siete capitati su questa pagina è sicuramente perchè cercate informazioni su eBay ed in particolare sulla nuova regola introdotta di recente (a partire da Agosto 2016).

Cos’è la GARANZIA CLIENTI EBAY?

Di recente eBay ha introdotto una ulteriore tutela per l’acquirente che permette di usufruire dell’intervento di eBay in caso di disputa con il venditore. Ci riferiamo ovviamente ai casi in cui l’oggetto acquistato non sia stato ricevuto, sia diverso dall’annuncio o non conforme. Questo strumento inoltre può essere utilizzato anche per gestire il diritto di recesso.

I dettagli specifici li trovate su questo LINK .

Ma con il nostro articolo vogliamo riassumere e spiegare con più facilità di cosa si tratta e quali novità comporta.

Nel complesso in realtà eBay offre in questo modo una doppia piattaforma di garanzia per l’acquirente, poichè va ad affiancare la “protezione Paypal” per quanto riguarda gli acquisti.

Infatti già attualmente, qualunque oggetto pagato con Paypal è garantito con un sistema che permette di ottenere il rimborso aprendo una controversia utilizzando la stessa piattaforma Paypal.

Cominciamo nel dire che la Garanzia Clienti eBay funziona solo per gli oggetti pagati con Paypal.

Quindi cosa cambia ora?

Sostanzialmente nulla di diverso, con la Garanzia Clienti eBay è possibile aprire una controversia nei casi sopra citati e la differenza consiste nel fatto che eBay si fa da garante nel caso in cui il venditore non abbia fondi disponibili per effettuare il rimborso.

Aspetto che invece con Paypal da solo non esiste poichè in occasione di disputa e di insolvenza del venditore, l’acquirente rischia comunque di non vedere indietro i propri soldi.

Inoltre questa nuova garanzia mette davanti come importanza il sistema eBay rispetto a quello Paypal. Significa che le dispute vengono gestite direttamente da eBay e che Paypal diventa un sistema “quasi” secondario.

L’attivazione della Garanzia Clienti eBay è attualmente in fase “pilota”. Significa che in Italia al momento solo alcuni utenti hanno la possibilità di usufruire di tale garanzia.

La seconda novità è che eBay introduce nel sistema gestionale della nuova garanzia anche la gestione dei resi.

All’interno della piattaforma e del “mio eBay”, in particolare nel Gestore delle Vendite (e Plus), ci saranno a breve delle funzionalità che permetteranno di automotizzare alcuni processi sui rimborsi e sulle dispute con i clienti, migliorando l’esperienza delle sezioni “Spazio Soluzioni” ed introducendo nuove notifiche nel “mio eBay”.

A nostro parere questa modifica nel regolamento e questa “Garanzia Clienti eBay” è stata introdotta per allineare la qualità di esperienza di acquisto con il maggior concorrente del mercato ovvero Amazon.

Quest’ultimo infatti è da sempre molto più selettivo con i venditori e molto più fiscale circa la garanzia di rimborso nei confronti degli acquirenti scontenti.

In questo modo eBay cerca di rendere più appetibile la piattaforma invogliado gli utenti ad acquistare forti della garanzia citata.

Probabilmente aumenteranno anche le azioni “di abuso” di questa nuova garanzia ma è la legge dei numeri.

Se aumentano gli acquirenti aumenteranno anche gli acquirenti “truffaldini”, ovvero coloro che chiederanno un rimborso pur avendo ricevuto l’oggetto. Si tratterà di truffa bella e buona, sia chiaro.

Tuttavia la piattaforma eBay si sta evolvendo correttamente ed attrezzando per rendere il suo MarketPlace sempre più in linea con le esigenze del mercato e sempre più competitivo in realazione all’esperienza di acquisto. Esperienza che si sta evolvendo sia per i venditori che per gli acquirenti.

Infatti senza veditori eBay non potrebbe esisistere.

Trovate inoltre ulteriori informazioni su questo secondo LINK dello Spazio Venditori eBay (pagina ufficiale).

Ricordiamo che INNOVAFORMAZIONE, scuola informatica specialistica, promuove la cultura dell’ecommerce, promuove la vendita su eBay e si occupa di formazione e consulenza per Venditori eBay Professionali.

Invitiamo a visitare www.innovaformazione.net

dove trovate anche il nostro corso di formazione per Venditori eBay Professionale.

Ricambi Auto: l’e-commerce la fa da padrone

Ricambi Auto

L’Italia è il paese con il maggior numero di autoveicoli in circolazione in Europa con 608 automobili ogni 1000 abitanti (Fonte Aci e Istat).

L’Italia è anche il paese più restio culturalmente ad utilizzare i mezzi pubblici per gli spostamenti. Se consideriamo l’impennata di acquisto dei veicoli usati, si comprende immediatamente che la nostra è la nazione dei “pezzi di ricambio”.

Il settore “ricambi auto e moto” ha visto negli utlimi anni un’ascesa incredibile trainata dall’e-commerce: attraverso gli acquisti online gli utenti acquistano con grande frequenza e facilità il pezzo di ricambio del proprio veicolo a prezzi convenientissimi.

eBay in particolare ha di recente pubblicato una notizia dal suo ufficio stampa, circa i numeri del mercato in questione con una ricerca commissionata a IPSOS.

ricambi auto

Dalla ricerca si evince che più di 14 Milioni di Italiani acquistano pezzi di ricambio in rete.

Il Sud Italia registra la maggiore propensione alle transazioni in questo settore. Gli articoli più richiesti sono rispettivamente:

  1. Tergicristalli
  2. Lampadine
  3.  Batterie

I motivi che spingono gli utenti ad acquistare online sono principalmente i prezzi più bassi rispetto ai canali tradizionali (circa il 20% in meno) e la maggiore possibilità di scelta.

Dalla ricerca si stima che su eBay venga venduto un articola della categoria “ricambi auto/moto” ogni 7 secondi!

Come ulteriore motivazione nella scelta del canale online, abbiamo la possibilità di comparare i prezzi e la velocità  e comodità della transazione.

Particolare attenzione bisogna rivolgerla agli articoli dei pneumatici, ormai una vera tendenza del settore. La ricerca IPSOS dichiara che su eBay vengono venduti 17 set gomme ogni ora!

Il volume di affari del settore autoricambi è ormai “annusato” anche dalla grande distribuzione. Non è difficile infatti notare reparti per articoli di ricambi per auto e moto anche nelle catene di supermercati come Auchan, IperCoop ecc.

eBay, per meglio organizzare l’esperienza di navigazione di questa categoria, ha da tempo inserito un’apposita sezione ben presentata graficamente e visionabile a questo LINK.

 

Fonte dell’articolo è l’Ufficio Stampa eBay.it

 

Innovaformazione si occupa di consulenza e formazione per Venditori Professionali eBay. Organizziamo un corso di formazione per venditori professionali e ci occupiamo di analasi e consulenza per Negozi eBay.

Visitate www.innovaformazione.net

 

 

Amazon: opportunità di lavoro in Italia

amazon-lavoro-sap

Amazon: opportunità di lavoro in Italia

 

Amazon è sinonimo di colosso dell’e-commerce made in USA.

La sua espansione però a breve avrà ripercussioni positive anche in Italia dal punto vista lavorativo.

Le sedi in cui si stabiliranno i nuovi uffici Italiani di Amazon saranno, Torino, Avigliana (TO) e in provincia di Rieti. In totale parliamo di 1300 assunzioni che ricopreranno sia ruolo di addetti alla logistica e smistamento che ruoli di ingegneri ed informatici. L’investimento complessivo previsto è di 500 milioni di €

A Rieti ed Avigliana sono previsti dei centri di distribuzione merci. A Rieti, non molto lontano da Roma, si parla della costruzione di uno dei più grandi centri di distribuzione d’Europa.

In particolare il comune coinvolto nella sede laziale sarà Fara Sabina. Il centro logistico avrà una estenzione di circa 60 kilometri quadrati e gestirà la logistica delle merci acquistate dall’Italia meridionale.

Si ricercano per queste sedi profili di vario tipo, consigliamo di posizionarsi sull’apposita sezione “lavora con noi” del sito Amazon Italia.

A Torino invece ci sarà la sede di un importante polo di ricerca sulle tecnologie informatiche. Si parla infatta di un centro di Sviluppo per l’Intelligenza Artificiale e per il cosi detto “Machine Learning”.

Ottime quindi le possibilità di assunzione dei nostri giovani ingegneri Italiani e dei nostri sviluppatori informatici.

Questi saranno infati chiamati a lavorare sul progetto denominato “Alexa”, un’assistente vocale auomatizzato in grado di dialogare con i clienti Amazon di tutto il mondo. Le tecnologie di apprendimento automatico inerenti proprio il “Machine Learning” saranno applicate a questo nuovo progetto di Amazon.

 

Ricordiamo come Amazon ricerca molte figure del ramo Information Technology e alcuni profili da sviluppatore SAP per la nota partnership tra SAP e Amazon per lo sviluppo in Cloud con AWS (Amazon Web Services).

Innovaformazione, scuola informatica specialistica eroga corsi per il settore IT (Java, C#, JEE, Android, iOS ecc.) atti a formare figure specializzate nello sviluppo software su varie tecnologie. Nella nostra offerta formativa ricordiamo anche i Corsi SAP.

 

Per informazioni visitate www.innovaformazione.net e scrivete a [email protected] .

 

eBay Realtà Virtuale

eBay Realtà Virtualeebay-realta-virtuale

 

eBay, assieme all’azienda Meyer, ha lanciato un prototipo di prodotto che stravolge l’esperienza di acquisto online passando per la “Realtà Virtuale”.

Il termine realtà virtuale nei tempi moderni non è nuovo, ma è sicuramente insolito l’accostamento dello stesso con lo shopping online.

Attraverso un’APP per smartphone e indossando un apposita “maschera” o visore, è possibile entrare nello store online in modalità tridimensionale e virtuale.

Al momento il servizio è disponbile solo per l’Australia ma si tratta di uno scenario che potrebbe rivoluzionare il mercato dell’e-commerce.

L’ambientazione virtuale è attivata tramite il nostro smartphone e la visione è aiutata utilizzando una sorta di mascherina di cartone oppure utilizzando un visore 3D come quelli della Samung.

Il video seguente presenta un pò il nuovo “approccio” all’acquisto di eBay.

 

Obiettivo di questo nuovo strumento è avvicinare l’acquirente ad una esperienza di acquisto completamente diversa e tridimensionale. Tutte le informazioni del prodotto vengono rappresentate in tempo reale ed è possibile esplorare l’articolo virtualmente riproducendo praticamente la realtà.

L’esperienza dei video tridimensionali è a noi già nota con i film 3D. In questo caso però manca l’interazione in tempo reale, non è possibile muovere o spostare un oggetto. La realtà virtuale invece aggiunge l’interazione in una sorta di videogioco, dove però stiamo acquistando le nostre scarpe preferite o lo smartphone di ultima generazione.

Ancora nessuno ci saprà dire se queste tecnologie avranno successo o meno applicate allo shopping e all’e-commerce.

Alcuni sostengono “l’inutilità” dell’applicare la realtà virtuale allo shopping.  Altri dicono che sarà senza dubbio il futuro. Fra 5 , 10 anni? Chi lo sà…

Secondo il nostro parere, sarà un’alterantiva all’acquisto ed eBay percorre la strada della differenziazione.

Come tutt’ora è possibile acquistare in diverse modalità, la terza potrà essere proprio quella della realtà virtuale. A seconda di propri gusti.

Probabilmente solo il tempo sancirà il successo delle nuove applicazioni e delle nuove tecnologie.

Nel frattempo noi stiamo a guardare….

 

Innovaformazione promuove l’e-commerce e l’utilizzo di eBay fra le piccole e medie imprese.

Innovaformazione promuove la formazione con il Corso eBay Venditore Professionale.

Visitate www.innovaformazione.net e contattateci via email a [email protected]

Vendere Vino su eBay

vendere-vino-su-ebay

Vendere Vino su eBay

 

Il vino, per l’Italia è sempre stato il fiore all’occhiello della produzione enogastronimica. Dal Chianti, al Barolo al prosecco e agli spumanti, i nostri vini doc sono rimonati nel mondo e richiesti da ogni angolo del globo.

Anche il vino, con l’avvento dell’e-commerce sta attraversando un buon momento per le vendite internazionali e le espertazioni. L’Italia infatti ha una biodiversità invidiata da tutto il mondo e un’enogastronomia unica, a partire dalle bevande alcoliche.

eBay.com ovvero il primo eBay statunitense, non permette la vendita di alcool, in particolare a causa  delle sue restrittive leggi sugli alcolici spesso diverse da stato a stato dell’america.

Tuttavia a fine Aprile 2016 (il 28 per la precisione), eBay ha annunciato il lancio e l’introduzione della categoria vini all’interno del marketplace. I vini sono selezionabili per tipo (bianco, rosso ecc.), per annata e per regione geografica. Qui riportiamo il LINK della sezione specifica “wine”.

A dimostrazione delle regole ristrette circa la vendita dell’acol per eBay Stati Uniti, riportiamo il LINK al regolamento che cita proprio le motivazioni e l’elenco restrizioni per il commercio di alcoolici sulla piattaforma eBay.com.

In Italia invece, la categoria riservata agli alcolici è presente da più tempo (circa un anno e mezzo) con l’introduzione della sezione GUSTO: al suo interno ritroviamo la sottocategoria “Cantina” e la sottocategoria “Vini, Birre e Liquori”.

eBay, da sempre attenta agli sviluppi del mercato e al marketing volto all’internazionalizzazione delle vendite, ha quindi di recente modificato la struttura sulla categoria alcool inserendo al momento la vendita dei vini, modificando anche in parte il regolamento americano.

In particolare, una partnership con Drync.com permette l’integrazione con eBay per gli utenti del questo marketplace verticale orientato ai vini.  Drync.com è infatti una di landing mobile app , riservata a commercianti titolari in america di licenze per la vendita di alcol. Allo stesso tempo eBay si garantisce un’espansione dal punto di vista del suo target raggiungendo quindi anche utenti del settore vinicolo non raggiunti prima.

Questa novità è sicuramente importante per tutti gli imprenditori del settore che non possono restare a guardare dinanzi ai mutamenti del mercato. Inoltre è bene specializzare la propria produzione e avvicinarsi alla vendita su eBay , ormai  leader del settore specialmente per articoli di nicchia e per i beni di difficile reperibilità.

Senza dubbio consigliamo a commercianti, produttori di vini e di alcoolici pregiati, di valutare seriamente l’opportunità di entrare sul mercato eBay, italiano ed internazionale.

Innovaformazione, spacializzata nella formazione per venditori eBay, promuove l’e-commerce ed avvicina gli imprenditori alla vendita online. Nell’offerta formativa rientra il Corso eBay Venditore Professionale erogato sia in modalità classe virtuale che in video-tutorial accessibili da smartphone e tablet.

Infine Innovaformazione si occupa di consulenza per la vendita su eBay.

Per informazioni visitate www.innovaformazione.net e scrivete a [email protected]

 

(Fonte dell’articolo eBayinc.com)

eBay Gratis: promozione per i Negozi

ebay gratis

 

eBay gratis

Nuova promozione per i Negozi (e per il settore alimentare)

Se siete dei commercianti o degli aspiranti tali e non avete ancora aperto un Negozio eBay per le vostre vendite online, sappiate che questo è il momento giusto per farlo.

Infatti dal 21 Maggio 2015 fino al 20 Maggio 2016 eBay permette di avere tariffe eBay gratis per 3 mesi aprendo un Negozio Premium (ad esclusione delle tariffe di percentuale sul venduto).

Ricordiamo come i costi delle tariffe del Negozio Premium sono di 34,00 € mensili e l’apertura del negozio garantisce l’ inserimento di illimitate inserzioni sia in Italia che in molti paesi esteri.

E’ sicuramente un’ottima occasione per lanciare la propria attività su eBay e/o per testare i servizi di vendita di eBay (gratis).

Ricordiamo come attualmente i tipi di Negozi (con rispettive tariffe) di eBay sono tre:

  • Negozio Base
  • Negozio Premium
  • Negozio Premium Plus

Terminati i 90 giorni è possibile disattivare il Negozio e chiudere le inserzioni, oppure consigliamo eventualmente di mantenere attivo il Negozio eBay ma in modalità Base, con costi inferiori e con ottime chances di vendita.

Un’ ulteriore occasione per vendere su eBay gratis riguarda tutte le attività che operano nel settore alimentare, in particolare nelle categorie:

  • Gastronomia
  • Salumi e Formaggi
  • Dolci e Biscotti
  • Pasta e Condimenti

Per questo settore eBay garantisce una commissione sul valore del venduto pari a ZERO!Esattamente, le tariffe della percentuale sul valore finale è zero!Gratis!

Quidi, tutte le aziende che operano nell’ambito alimentare, aprendo un Negozio Premium in questo periodo hanno praticamente tariffe completamente abbattute per 3 mesi e tariffe sul valore di vendita azzerate per sempre (o quasi)!

 

Potete trovare maggiori dettagli sulla promozione “ebay gratis” a questo link.

Se avete bisogno di consulenza o di formazione per la vendita per la piattaforma eBay, contattate senza impegno Innovaformazione .

 

Potete contattarci via email a [email protected] o chiamarci al tel. 3471012275 (Dario Carrassi)

logo_INNOVAFORMAZIONE_contorno

 

E-commerce Normativa Corrispettivi

corrispettivi-e-commerce

 

La fresca novità in tema di e-commerce riguarda l’obbligo dei corrispettivi che ha subito modifiche ad Ottobre 2015 con il Decreto Ministeriale e con successiva pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n.263 con data 11 Novembre 2015.

La normativa dà attuazone al Decreto Legislativo 42/2015.

In sostanza la nuovissima normativa esonera l’obbligo dei corrispettivi nelle attività di e-commerce, sia diretto che indiretto, per il B2C nel territorio italiano e quindi per le transazioni verso i consumatori privati.

Ricordiamo come per e-commerce diretto si intende la cessione di beni/servizi tramite strumenti tecnologici e tramite la rete (es. prodotti scambiati in download e online). Per e-commerce indiretto si intende la comunissima vendita a distanza di beni meteriali con consegna.

Questa recente normativa va a snellire il processo delle transazioni e ad equiparare le vendite in e-commerce diretto con quelle indiretto. In passato nell’e-commerce diretto era obbligatorio compilare il registro dei corrispettivi.

Ovviamente anche per le vendite tramite eBay o tramite Amazon il discorso non cambia quindi anche i venditori eBay/Amazon sono esonerati dai corrispettivi (cosi come si è esonerati dall’emissione fattura, a meno di richiesta del cliente).

 

Dal 2017 una serie di normative estenderanno la digitalizzazione in tutti gli ambiti, concedendo inoltre una serie di incentivi da parte della Agenzia Entrate (es. esonero spesometro, black list, intrastat ecc.).

Innovaformazone è specializzata nella consulenza e-commerce e per il market place eBay ed Amazon.

Per maggior informazioni visitate il nostro sito www.innovaformazione.net e contattaci via email [email protected]