ebay-crash-sale-la-risposta-ad-amazon

ebay-crash-sale-la-risposta-ad-amazon

ebay-crash-sale-la-risposta-ad-amazon

 

ebay-crash-sale-la-risposta-ad-amazon . La famosa settimana di sconti che lancia periodicamente Amazon nel periodo estivo vede quest’anno la risposta di eBay.

Negli USA viene lanciata la eBay-Crash-Sale.

In Italia invece viene semplicemente chiamata “eBay Super Week”.

Si tratta di una settimana di sconti su tutte le categorie di eBay. Una apposita sezione divisa per categorie indirizza l’utente verso le inserzioni con degli sconti che vanno dal 30% al 60 % . Qui trovate il LINK.

Mentre per Amazon, l’accesso agli sconti è riservato agli abbonati Amazon Prime, per eBay non occorre nessun abbonamento, e viene chiaramente presentato in un suo slogan.

Di seguito riportiamo questo interessante video pubblitario (americano) con cui si vuole confrontare le offerte e le scontistiche Amazon con l’offerta eBay. In particolare si parla di “Alexa”, il dispositivo che permette di fare ordini “via voce” su Amazon.

 

Come dice la ragazzina dello spot “Su Amazon compri solo tante cose inutili, su eBay puoi acquistare tante cose utili!” . Il concetto qui va a rimarcare come la piattaforma eBay va a suggerire gli acquisti per gli utenti, in base alle loro preferenza. Su Amazon, con il Prime Day si finisce per acquistare coggetti a caso.

Per altri articoli sul mondo eBay visionate a questo LINK la sezione apposita del nostro blog.

Innovaformazione, scuola informatica specialistica promuove la cultura dell’e-commerce e di eBay.

Visitate www.innovaformazione.net ,trovate anche il nostro Corso eBay Venditore Professionale .

 

(fonte1; fonte2)

eBay-partner-di-libra-crypto-moneta-facebook

 

 

eBay-partner-di-libra-crypto-moneta-facebook

 

eBay-partner-di-libra-crypto-moneta-facebook . Alcune settimane fa si è parlato di Libra.

Si tratta di una nuova crypto valuta che verrà lanciata a partire dal 2020.

Facebook è il detentore principale di questa moneta “virtuale” ma Libra si presenta con un network vasto di aziende multinazionali che aderiscono come partner.

eBay-partner-di-libra-crypto-moneta-facebook . Si, eBay è tra i partner di Libra, ovvero ha investito circa 10 milioni di dollari assieme agli altri partner. Giganti come Visa, Mastercard, Paypal, Vodafone, Spotify ed Uber sono soltanto alcuni degli altri nomi che aderiscono al progetto di crypto moneta che vede Facebook come capofila.

L’obiettivo è raggiungere i cento partner entro l’anno prossimo specialmente per rimuovere “l’etichetta Facebook” da principale riferimento. I precedenti negativi di Cambridge Analytica sono ancora un’ombra sull’azienda di Zuckemberg. Si tenta in pratica di evitare che sia Facebook il gestore totale di tutta questa tecnologia e di dati.

eBay-partner-di-libra-crypto-moneta-facebook . eBay si inserisce in questo filone prendendo parte a questa nuova “invenzione”.

Certo, le crypto-monete non sono nate ieri. Il Bitcoin è la più famosa moneta che vuole rivoluzionare il settore bancario.

Tuttavia Libra ha caratteristiche diverse dalle classiche crypto-monete basate su Bitcoin.

La differenza principale dal resto del mondo “crypto-currency” sta nel fatto che Libra si basa su un paniere di depositi bancari e valute di banche centrali (dollaro ed euro). Questo determina Libra una moneta stabile ovvero una stablecoin.

L’inflazione dovrebbe annullarsi mentre l’ aumento o la diminuzione della diffusione di Libra dipenderà dal maggiore o minore utilizzo degli utenti.

eBay-partner-di-libra-crypto-moneta-facebook, per il momento vuole seguire il filone di innovazione portando sul suo marketplace questa nuova moneta digitale. Probabilmente all’inizio verrà inserita come ulteriore forma di pagamento assieme a tutte le altre (Paypal e Adyen).

La tecnologia Blockchain è alla base delle crypto-valute e lo stesso vale per Libra.

I sentori portano ad un futuro senza intermediari e senza banche. Le crypto valute permetteranno di scambiare denaro in modo immediato e senza commissioni.

La sicurezza, il reciclaggio e il malaffare potrebbero però approfittare di questo strumento.

Per cui attualmente non sono considerati strumenti del tutto maturi.

Su questo aspetto Facebook ha dichiarato che stringerà accordi con le autorità bancarie per impedire i reati finanziari.

Libra è gestita da una no-profit, Libra Association. Lo strumento per scambiare la moneta Libra è invece un wallet di proprietà Facebook: Calibra.

L’adesione a Libra di eBay è un’altra strategia di contrasto al concorrente Amazon.

Cosa ci riserverà il futuro? Le banche scompariranno?

Come interverranno i governi per gestire e garantire la sicurezza delle transazioni di monete virtuali?

Solo il tempo potrà darci le risposte.

(fonte1; fonte2)

Innovaformazione, scuola specializzata nell’Information Technology, promuove la cultura digitale, dell’ecommerce e di eBay.

Visitate www.innovaformazione.net[email protected]

eBay-acquisisce-Terapeak-per-l-analisi-delle-vendite

eBay-acquisisce-Terapeak-per-l-analisi-delle-vendite

eBay-acquisisce-Terapeak-per-l-analisi-delle-vendite

 

eBay-acquisisce-Terapeak-per-l-analisi-delle-vendite Ora è ufficiale anche per l’Italia.

E’ dal 2017 che eBay Stati Uniti ha annunciato l’acquisizione di Terapeak. (Annuncio ufficiale eBay.inc)

Tuttavia è stato necessario qualche anno affinchè tutti i sistemi eBay di tutti i paesi fossero integrati con questa piattaforma.

Per chi non lo conoscensse, Terapeak è un’applicazione web che permette di effettuare una serie di ricerche e analisi circa le proprie vendite e le vendite globali del mercato eBay.

Terapeak permette di confrontare prezzi, vendite ed oggetti confrontando l’andamento della concorrenza e del mercato.

eBay-acquisisce-Terapeak-per-l-analisi-delle-vendite , si tratta di un tool di lavoro che era già presente in passato ma ad esclusione di alcune tipologie di venditori era a pagamento.

Oggi Terapeak è gratuito per tutti i venditori eBay con account Negozio.

Di seguito riportiamo un breve video di presentazione. eBay-acquisisce-Terapeak-per-l-analisi-delle-vendite

 

Maggiori informazioni su eBay-acquisisce-Terapeak-per-l-analisi-delle-vendite  sono presenti anche nella pagina eBay Italia al seguente LINK.

A nostro avviso Terapeak è un’ottimo strumento di marketing e di analisi per gestire al meglio l’attività commerciale moderna.

Sopratutto le piccole imprese, poco abituate ad utilizzare strumenti di analisi delle vendite (es. software CRM o di BI) posso trovare in Terapeak uno strumento già pronto per studiare il mercato le le proprie inserzioni.

Con Terapeak il venditore eBay può monitorare le vendite, attuare strategie di marketing ed essere più competitivo sul mercato.

Probabilmente il lancio di Terapeak rientra in una serie di attività con il fine di differenziare eBay da Amazon.

Amazon infatti è potente come visibilità e numeri. Tuttavia al momento  è poco propenso a dare migliori servizi ai propri seller. In alcuni casi Amazon fa concorrenza ai venditori esterni.

Ricordiamo che invece eBay è solo un intermediario e non vende merce propria.

Per altre notizie sul mondo eBay per i venditori, invitiamo a leggere altri nostri articoli del blog seguendo questo LINK

Innovaformazione, scuola nell’Information Technology promuove la cultura dell’e-commerce e della piattaforma eBay. Ci occupiamo inoltre di consulenza e formazione per venditori professionali eBay. Visitate www.innovaformazione.net .

eBay-Inserzioni-Sponsorizzate

eBay-Inserzioni-Sponsorizzate

eBay-Inserzioni-Sponsorizzate: novità utile o meno?

Recentemente, eBay ha introdotto una funzione che permette di poter attivare delle sponsorizzazioni sulle proprie inserzioni.

Sulla singola inserzione (in fase di creazione, vedi immagine sotto) trovate una sezione in basso dove è possibile attivare la sponsorizzazione. Una migliore gestione delle campagne e il monitoraggio delle stesse è visualizzabile da una console apposita (all’interno della console venditori).

Il sistema in oggetto permette al venditore di investire denaro per avere maggiore visibilità su eBay. Il meccanismo consiste nel far comparire le stesse inserzioni sponsorizzate all’interno dei risultati in alto e menzionando la sponsorizzazione. Tutto questo comporta un aumento delle tariffe eBay ovviamente.

E’ possibile impostare la durata e la percentuale di commissione da pagare ad eBay per ogni acquisto pervenuto grazie alla campagna. Quindi le sponsorizzazioni di eBay non sono comuni a quelle di Google ADS o Facebook.

Le campagne Google si pagano a click ricevuti o a “impression” ovvero sulle visualizzazioni.

Con le inserzioni sponsorizzate eBay, il venditore ha un rischio contenuto proprio per la tariffa che matura all’acquisto concreto. Tuttavia se impostiamo percentuali di commissioni alte (fino al 100%) si può vedere eroso gran parte del margine di guadagno.

 

Probabilmente questo sistema è stato “scopiazzato” da Amazon. Ma eBay di recente ha copiato alcune funzioni di Amazon (forse per necessità). Allo stesso tempo eBay-Inserzioni-Sponsorizzate consente alla multinazionale americana di incrementare gli utili spingendo i venditori ad ulteriori investimenti sulle proprie inserzioni.

Le campagne sono attivabili in qualunque momento e possono essere modificate ed interrotte in ogni momento.

Qui trovate il LINK ufficiale eBay sulle  eBay-Inserzioni-Sponsorizzate mentre QUI trovate le FAQ riferite al sistema annunci sponsorizzati.

Le sponsorizzazioni vengono proposte in modi svariati durante le ricerche quindi è sicuramente un buon modo per promuovere le proprie inserzioni.

Ma è sempre utile utilizzare le eBay-Inserzioni-Sponsorizzate ?

Bisogna notare come per i prodotti già di nicchia, l’utilizzo delle campagne a pagamento può risultare superfluo. Infatti se il numero di competitor è basso, una campagna sponsorizzata servirà a poco a spingere un articolo che da solo è ben posizionato nella ricerca.

Magari, nei casi di negozi nuovi e articoli da poco pubblicati su eBay, le sponsorizzazioni sono utili.

Le eBay-Inserzioni-Sponsorizzate sono comode nelle categorie super affollate. Basti pensare all’elettronica, categoria più gettonata da sempre. Oppure negli accessori sempre legati all’elettronica o ai cellulari.

Trattandosi di categoria con migliaia di annunci se non oltre, una sponsorizzazione diventa quasi indispensabile.

Infine se volete aggiornarvi sulle ultime novità del regolamento eBay, cosigliamo di leggere questo ulteriore nostro articolo.

Innovaformazione, scuola informatica specialistica, promuove la cultura dell’e-commerce ed in particolare della piattaforma eBay. Innovaformazione eroga servizi di consulenza per venditori eBay e attraverso un corso di formazione accompagna i venditori professionali all’utilizzo di eBay.

Se siete dei venditori alle prime armi o se volete migliorare il vostro negozio eBay, Innovaformazione è il partner giusto per voi.

Visitate questo LINK circa la consulenza eBay e succesivamente trovate informazioni sul Corso eBay Venditore Professionale.

INFO: www.innovaformazione.net – [email protected]

eBay-nuove-regole-2018

eBay-nuove-regole-2018

eBay-nuove-regole-2018

Il 2018 è un anno di cambianti per eBay. Le regole stanno cambiando in maniera repentina e i venditori devono adeguarsi il prima possibile per restare al passo.

Trattando attività professionali in questo articolo parleremo delle regole rivolte ai venditori professionali (con partita iva).

Da Agosto 2018 eBay introduce alcune novità che andremo a spiegare. In generale troviamo nuove regole circa le tariffe di vendita, novità circa l’esperienza di acquisto per i clienti e modifiche sugli strumenti di vendita.

Il video seguente introduce i cambiamenti ma li schematizzeremo nel corso di questo articolo.

eBay-nuove-regole-2018 : Tariffe

La prima novità riguarda le commissioni di vendita sul venduto. La commissione verrà calcolata sommando prezzo e costo di spedizione. Le spese di spedizioni quindi verranno conteggiate nelle tariffe eBay. Di conseguenza abbiamo un aumento delle tariffe con un incentivo a scegliere una vendita con spedizioni gratis (poichè in realtà è identico il costo tariffario eBay per i venditori).

Allo stesso tempo eBay introduce uno sconto del 10% sulle commissioni di vendita per quei venditori con “Affidabilità Top” e che offrono spedizione gratis, tempi imballaggio rapidi (zero o 1 giorno) e recesso esteso ai 30 giorni.

Quindi, migliorando la qualità del servizio e l’esperienza di acquisto per i clienti, eBay premia i venditori. Lo sforzo però non è banale. Ricordiamo invece come le percentuali sul venduto variano a seconda delle categorie ed in media si aggirano sul 10%.

Se nel breve periodo queste modifiche alle tariffe possono apparirre un aumento dei costi per i venditori, nel lungo periodo i commercianti possono ottonere vantaggi e risparmio. Il costo però è determinato da un incremento della qualità dei servizi di vendita.

 

eBay-nuove-regole-2018 : miglioramento dei Negozi

Con il 2018 il passaggio ai Negozi eBay “responsive” è definitivo. Con questo termine si fa riferimento ai negozi con layout completamente adatto ad essere visualizzati dai dispositivi mobili. La personalizzazione è più limitata e si riduce ad una interfaccia simile a quelle dei social (vedi pagine fan Facebook). Menu completamente adattivo per il mobile.

La personalizzazione dei negozi eBay simile ad un sito web scompare del tutto. Quel formato vecchio standard non ottimizzato per il mobile ma fortemente customizzabile oggi va in pensione definitivamente. Inoltre diviene obbligatorio l’utilizzo di immagini HTTPS nel caso di utilizzo di un “template” inserzione con html5/css. Javascript è bannato per motivi di sicurezza (ma lo è ormai da un anno e mezzo). I vecchi URL negozi non https verranno pian piano migrati per mantenere lo standard richiesto da Google per migliorare l’indicizzazione.

Sempre nel tema “Negozi eBay”, le novità 2018 introducono la sezione “inserzioni sponsorizzate” di cui ne parleremo in un articolo specifico. Si tratta in generale, di poter pagare per comparire nelle ricerche “scavalcando” i concorrenti presenti nei risultati organici.

 

In realtà alcune di queste modifiche erano già presenti sui alcuni siti eBay stranieri come UK e Francia. L’Italia si sta allineando al resto del’Europa.

(fonte)

Il commercio è sempre più competitivo e anche i marketplaces devono incentivare le performance dei loro venditori. Specialmente una piattaforma come eBay che vive dei suoi venditori. Se vuoi leggere altri nostri articoli su eBay visita questo LINK.

Innovaformazione, scuola informatica specialista promuove la cultura digitale, dell’ecommerce e di eBay per le vendite professionali. Eroghiamo consulenza e formazione per venditori eBay.

Trovate maggiori informazioni sul Corso eBay Venditore Professionale visitando www.innovaformazione.net .

 

 

 

eBay: nuova funzione Interests

eBay: nuova funzione Interests

eBay: nuova funzione Interests: di cosa si tratta?

Di recente eBay ha comunicato una nuova funzione nella sua piattaforma che prende il nome di “interessi” (interests).  eBay vuole migliorare sempre l’esperienza di acquisto dei suoi utenti. Selezionando sull’app i nostri gusti, eBay vuole mostrarci una serie di articoli ed offerte personalizzate. Ogni individuoèe diverso dall’altro e la tecnologia può intervenire per suggerirci i prodotti più affini alle nostre inclinazioni.

In realtà è una features non ancora presente sulle versioni italiane, tuttavia a breve si riceveranno degli aggiornamenti a riguardo. Di seguito troviamo l’immagine di presentazione della eBay: nuova funzione Interests.

Al momento la eBay: nuova funzione Interests è disponibile solo per gli Stati Uniti, su  dispositivi Android e su dispostivi iOS. (fonte)

Tuttavia è previsto un piano di aggiornamento graduale e globale, sia per eBay versione desktop che sulle mobile app.

Al momento, per l’Italia, troviamo solo dei suggerimenti agli acquisti nella home di eBay, in relazione alle nostre ultime ricerce. Vengono presentati anche dei “venditori consigliati”, sempre in relazione alle nostre ultime parole chiave inserite nelle ricerche. Ma nulla a che vedere con il prossimo upgrade.

Con la nuova funzione Interests , la piattaforma prevede la personalizzazione delle offerte in relazione ad alcune domande necessarie per “profilarci”. “Cosa ami ?”, “Qual’è il tuo stile?”, “Di cosa sei fan?” e “Quali sono le tua attività preferite”? . Ognuna di queste domande avrà delle categorie e sotto categorie di risposta, sia per gli uomini che per le donne.

Selezionando le risposte e gli argomenti, eBay andrà a personalizzare l’interfaccia del “nostro eBay”. Ci verranno presentati oggetti e promozioni esattamente in linea con i nostri gusti e la nostra personalità.

Potremo seguire più facilmente gli articoli e i venditori rendendo la piattaforma ancora più interessante nell’esperienza di acquisto.

eBay ha lavorato molto su algoritmi di intelligenza artificiale e di “deep learning” implementando e spingendo sulla personalizzazione delle offerte e dell’interfaccia.

L’obiettivo è cercare di differenziarsi da Amazon. Quest’ultimo infatti è ormai un grosso competitor che sta erodendo quote di mercato ad eBay. Mentre Amazon punta sulla “globalizzazione” del mercato e sulla fidelizzazione dei clienti con una serie di servizi aggiuntivi (basti pensare ad Amazon Prime), eBay punta sul migliorare l’esperienza di acquisto.

Amazon infatti, a parte l’eccellente assistenza clienti, ha una presentazione prodotti scarna e semplicistica. A volte l’offerta è cosi vasta che l’utente rischia di perdersi nella miriade di prodotti. Forse oltre questo non troviamo altri difetti (lato acquirenti).

Qui di seguito troviamo il video di presentazione di eBay per eBay: nuova funzione Interests.

Innovaformazione, scuola informatica specialista promuove la cultura dell’e-commerce ed in particolare della piattaforma eBay. Organizziamo corsi di formazione per venditori eBay Professionali ed eroghiamo consulenza eBay per i commercianti. INFO: [email protected]www.innovaformazione.net

 

 

eBay-Programma-di-espansione-europea

eBay-Programma-di-espansione-europea

eBay-Programma-di-espansione-europea: recentemente si sente parlare di un nuovo sistema di eBay che aiuta i venditori.

Il eBay-Programma-di-espansione-europea è una sorta di piattaforma web (sviluppata esternamente ad eBay) che permette ai venditori di automatizzare la creazione di inserzioni sui paesi esteri.

Il programma è accessibile solo dietro invito a discrezione di eBay. Con il eBay-Programma-di-espansione-europea Il venditore può pubblicare delle “copie” delle sue inserzioni sui siti eBay degli altri paesi europei. Il software penserà ad automatizzare le traduzioni, titoli, ricopiare le fotografie ed ad inserire gli oggetti nelle categorie appropriate.

Il sistema è sviluppato da WebInterpret una sociatà nata in Polonia ma ormai con sedi in Europa e USA. Webinterpret sviluppa software per l’ecommerce e per le traduzioni.

L’utilizzo di questo applicativo ha lo scopo di avvicinare tutti i venditori alle vendite internazionali e allo stesso tempo di “riempire” il più possibile di offerte tutti i siti eBay internazionali. Non ci sono tariffe per i venditori poichè si tratta di un servizio gratuito per tutto il 2018. A nostro avviso è una sorta di progetto-pilota.

A prima vista il venditore classico può pensare: “wow geniale!Posso pubblicare le mie inserzioni in tutti quei paesi senza costi e nè tempi aggiuntivi!”

Tuttavia dai primi feeback che abbiamo ricevuto dai venditori (italiani) non è tutto oro ciò che luccica.

Innanzitutto si sono riscontrati una serie d bug ed errori nelle traduzioni, account venditori “sballati” e mancata sincronizzazione delle quantità.

In particolare il venditore non può scegliere quali oggetti rendere visibili a livello internazionale. E’ il sistema che sceglie categorie ed oggetti in base ad analisi di mercato e agli algoritmi di vendita eBay.

Un’altro aspetto tecnico che emerge direttamente dalle FAQ della piattaforma, riguarda i problemi che possono derivare dalla modifica della password o del nome account eBay. Oggi è utile cambiare magari saltuariamente la password all’account per ovvi motivi di sicurezza. Questo consiste in un bug probabilmente essenziale.

Per alcune categorie e settore, (es. l’abbigliamento) il problema delle taglie non è indifferente poichè vengono inserite e duplicate in maniera automatica. Quindi è necessario controllare se le misure siano corrette rispetto alle taglie di un paese straniero.

In generale però è importante lavorare e prepararsi per la vendita internazionale. Non sottovalutare tutti gli aspetti è fondamentale.

Se non si conoscono le lingue, successivamente sarà difficile comunicare con un acquirente tedesco che farà domande sull’articolo. Se non si hanno buoni piani di spedizione internazionale per i nostri oggetti, sarà poi difficile spedire fuori Italia a condizioni concorrenziali.

Fortunamente si tratta di un programma di adesione gratuita e che permette allo stesso modo di uscire facilmente  dal sistema.

Nonostante i primi feedback non del tutto positivi, consideriamo buona l’iniziativa di eBay . In un certo qual modo vuole stimolare i venditori a sfruttare l’internazionalizzazione del web e di eBay stesso.

Molti venditori, specialmente i più piccoli non sono a conoscenza delle potenzialità di mercato presenti all’estero. In particolar modo per prodotti artigianali o unici.

Come accennato sopra, il lancio internazionale necessità preparazione, studio e un’organizzazione logistica più alta della media. (Fonte)

Innovaformazione, scuola informatica specialistica promuove la cultura dell’e-commerce internazionale e di eBay. Il Corso eBay Venditore Professionale è un ottimo passo per non lasciare nulla al caso nella vendita su eBay. Inoltre tra i servizi abbiamo la consulenza eBay per venditori professionali.

 

Se volete continuare a leggere altri nostri articoli sulla vendita su eBay consigliamo di seguire la sezione del nostro blog presente su questo LINK.

 

eBay-Watermark-no-alla-filigrana

eBay-Watermark-no-alla-filigrana

 

eBay-Watermark-no-alla-filigrana : di cosa si tratta?

La piattaforma eBay ha recentemente lavorato per una regola per i venditori che riguarda le fotografie degli oggetti e i “watermark”.

Cosa sono i “watermark”? E’ il termine inglese con cui si fa riferimento alla cosi detta “filigrana” in trasparenza su ogni immagine. Può essere un testo od un logo trasparente. Viene utilizzato per identificare la fotografia oggetto come “nostra”. Il watermark è anche usato anche per evitare che altri venditori rubino le nostre foto.

Fino a quelche tempo fa eBay non solo permetteva questa applicazione, ma aveva persino uno strumento interno per creare in automatico un “watermark” con l’ ID eBay del venditore.

eBay ha prima annunciato la regola che vietava il “watermark”. Successivamente ha fatto un dietro-front trasformandola in una solo “suggerimento”. FONTE Bacheca eBay.

L’origine di questa regola deriva sempre dalla “mamma” Google e da Google Shopping.

Infatti Google Shopping vieta l’utilizzo di loghi o watermark nelle sue inserzioni come indicato nella Regole Oggetti Google Shopping .

Ricordiamo che Google Shopping è il principale motore che permette di sponsorizzare e veicolare tante ricerche di acquisto degli utenti che navigano su internet. Rispettare le regole di Google significa avere una buona indicizzazione nelle ricerche.

Mentre Amazon da sempre non permette l’utilizzo della filigrana nelle foto oggetto, eBay ha iniziato a trattare il tema solo di recente.

In particolare si era stabilito che dal 1 Marzo 2018 tutte le filigrane dovevano rispettare la regola.

Tuttavia al momento eBay ha cambiato direzione. Come mai? Dalle dichiarazioni sembra che siano state ascoltate le opinioni degli utenti ritirando la regola.

In generale consigliamo invece di rispettare le linee guida di Google Shopping che richiedono foto senza sfondo o sfondo bianco, senza loghi nè watermark. Questo perchè una foto di questo tipo comunica professionalità e stimola fiducia nel potenziale acquirente .

Pensiamo un attimo ad Amazon, principale concorrente di eBay.

Avete mai trovato su Amazon fotografie con loghi, watermark o segni vari? Assolutamente no. E se Amazon sta rosicchiando sempre più quote di mercato un motivo ci sarà.

Innovaformazione, scuola informatica specialistica promuove la cultura dell’e-commerce e si occupa di consulenza e formazione per la vendita su eBay.

Con il nostro Corso eBay Venditori Professonali formiamo commercianti al passo con i tempi.

Visitate www.innovaformazione.net e contattateci ad [email protected] .

Potete seguire i nostri articoli sul mondo eBay da questo LINK

eBay lancia la funzione Image Search

eBay lancia la funzione Image Search

Da qualche giorno, eBay dal suo sito ufficiale americano presenta una nuova funzione della sua piattaforma e-commerce: “Image Search”.

Ma cos’è la funzione “Image Search” ?

Si tratta di una particolare funzione integrata nell’app mobile di eBay (inizialmente su iOS, successivamente verrà implementata anche su Android). Nella barra ricerca si potrà toccare e attivare la sezione “image” che permetterà di caricare una foto scattata al momento o un’immagine esterna per far partire la ricerca.

In questo modo si potrà cercare un oggetto senza conoscerne il nome o la marca. Si potrà scattare l’ispirazione dell’oggetto visto in un determinato istante e cercarlo sulla piattaforma eBay.

L’integrazione di questa funzione è il risultato di un attento e lunga lavoro del reparto ricerca e sviluppo.

Sono state implementate nuove tecnologie di “AI” ovvero di Intelligenza Artificiale e che in ambito IT si chiamano di “Machine Learning”.

Qui di seguito trovate il breve video di presentazione del nuovo applicativo chiamato “Find It on eBay”.

 

Sicuramente il motivo che ha spinto eBay ad introdurre queste tecnologie segue la necessità di differenziarsi dal competitor Amazon.

Infatti è sempre più incalzante la competizione di Amazon che continua a rodere fette di mercato in tutti le tipologie merceologiche per le vendite online.

La strategia di eBay consiste nello specializzarsi nell’esperienza di acquisto e nel dare accesso a categorie di articoli piu disparati. Amazon invece ha notevoli limiti da questo punto di vista.

L’esperienza di acquisto su Amazon è molto minimalizzata e con una interfaccia scarna e non personalizzabile.

eBay invece ultimamente ha introdotto applicativi con interfacce molto semplici da utilizzare per i venditori.

Basta pensare alla “Console Venditori” introdotta da poco meno di un anno a questa parte. E’ noto invece la complessità della gestione della dashboard venditori Amazon.

 

Innovaformazione, scuola specializzata nel settore informatico, promuove la cultura dell’e-commerce con la piattaforma eBay. Organizziamo corsi di formazione per venditori eBay. Potete visionare il link del nostro sito relativo al corso:

Corso eBay Venditore Professionale